La Preghiera

S. Teresa di Gesù ha scritto:

“La preghiera dev’essere il fondamento di questa casa” (Cammino di perfezione 4,9)

“La vocazione delle Carmelitane Scalze è essenzialmente ecclesiale ed apostolica. L’apostolato al quale S. Teresa volle dedicate le sue figlie è quello puramente contemplativo, e consiste nella preghiera e nell’immolazione con la Chiesa e per la Chiesa”

(Costituzioni Carmelitane Scalze, n° 126)

Nella vita delle Carmelitane Scalze tutto ruota, infatti, intorno alla preghiera e tende a favorirla.

Ma… Che cosa significa, veramente, pregare?

Non è tanto un ripetere formule imparate a memoria,

ma è

cercare un contatto vivo con Colui che è vivo ed è sempre con noi 

Gesù Risorto  

Per questo al termine “preghiera” preferiamo “orazione”, che ha in sé la parola latina “os”, “bocca”, ed è un richiamo al colloquio intimo con la persona amata. 

La Bibbia, meditata sotto la guida dello Spirito Santo nell’orazione,

ci fa conoscere il grande amore che Dio ha per noi. 

 

Dio ci ama!

e, perciò, gode d’incontrarsi con noi

e noi godiamo di stare con Lui

 

“Avvicinatevi a questo Maestro con la ferma risoluzione d’istruirvi, ed Egli vi darà la grazia di divenire suoi buoni discepoli, né mai vi abbandonerà, se non siete voi i primi ad abbandonarlo. Meditate le parole che cadono dalla sua bocca divina, e comprenderete fin dalla prima di quale amore vi circondi. E per un discepolo vedersi così amato dal suo Maestro non è certo piccolo vantaggio né soddisfazione da poco” (S. Teresa Cammino di perfezione 26,10)

La sostanza della nostra orazione è, perciò,

L’AMORE

 

L’amore è una parola così viva che vince ogni tentazione di stanchezza o di sterile ripetizione.

Significa e genera DINAMISMO

Lo Spirito Santo, che è l’Amore di Dio effuso nei nostri cuori,

va conformandoci a Cristo e alla sua vita,

fino alla suprema donazione al Padre.

L’orazione deve, perciò, portare ad una vita d’amore,

fatta di gesti concreti di servizio alla Comunità

e di sacrificio a vantaggio di tutto il mondo.

 

“L’impegno dell’orazione e della contemplazione non può esaurirsi nella partecipazione ai momenti stabiliti per la preghiera. Anzi, nello spirito della Regola, essa deve penetrare tutta l’esistenza, per camminare alla presenza del Dio vivente (cf. 1 Re 18,14), nell’esercizio costante della fede, della speranza e dell’amore, affinché tutta la vita diventi preghiera nella ricerca dell’unione con Dio”

(Costituzioni delle Carmelitane Scalze, N° 61) 

Questo è il senso della nostra giornata;

essere presenti a Colui che è sempre Presente,

sia nei momenti dedicati alla preghiera, sia nelle diverse occupazioni quotidiane,

nello studio e nella lettura della Sacra Scrittura e delle opere della Tradizione della Chiesa,

portando nel cuore le gioie e le sofferenze dell’umanità,

affinché la forza d’Amore dello Spirito Santo

invada il mondo e lo trasformi!

 

“Più che alla magnificenza delle opere, il Signore guarda all’amore con cui si fanno. Se faremo quanto dipende da noi, ci darà modo di fare sempre meglio. Però non dobbiamo subito stancarci, ma offrire a Dio interiormente ed esteriormente, tutto il sacrificio che possiamo nella corta durata di questa vita – più corta, forse, di quanto pensiamo. Egli l’unirà a quello che offrì per noi sulla croce e gli conferirà il valore meritato dalla nostra volontà, nonostante la piccolezza delle opere”

(S. Teresa di Gesù, Castello Interiore, settime mansioni, cap. 4, 15) 

Sorgente e culmine della vita comunitaria,

segno di unità e vincolo di comunione con Cristo

è la celebrazione quotidiana dell’Eucarestia

 

Più volte al giorno, poi, la Comunità delle monache si riunisce

per celebrare la Liturgia delle Ore,

la grande preghiera delle Chiesa

“nella quale essa si esprime, ascolta il suo Sposo, che è Cristo, ed offre attraverso di Lui al Padre quell’onore, quella gloria, che è anticipazione di vita eterna anche nell’esperienza”

(Card. Anastasio Ballestrero)

Due volte al giorno ci riuniamo ancora tutte insieme

in preghiera silenziosa davanti al tabernacolo,

nutrendo con le parole della Sacra Scrittura

il nostro colloquio intimo e silenzioso con Dio

 

“L’orazione mentale non è altro, per me, che un rapporto di amicizia, un frequente trattenimento da SOLO A SOLO con Colui da cui sappiamo d’ESSERE AMATI”

(S. Teresa, Vita, cap. 8,5)

 Il ritiro in cella, lavorando, leggendo e pregando

nella solitudine e nel silenzio

favorisce, poi, questo contatto intimo e amoroso con lo Sposo durante tutta la giornata.

 

                                                                    Solitudine e silenzio che si fanno più intensi

nelle giornate di ritiro

nel nostro eremo,

dove la natura aiuta la contemplazione e la lode al Creatore

e dove si leva alta la nostra preghiera d’intercessione per tutta l’umanità.

“Gli Istituti di vita contemplativa con le loro preghiere, penitenze e tribolazioni, hanno grandissima importanza nella conversione delle anime, perché è Dio che, quando è pregato, manda operai nella sua messe (cfr. Mt 8,38), apre gli animi dei non cristiani all’ascolto del Vangelo (cfr. Atti 16,14) e rende feconda nei loro cuori la parola di salvezza”

(dal decreto Ad gentes del Concilio Vaticano II) 

“E poiché chi diviene assoluta proprietà di Dio diviene dono di tutti, per questo la loro vita e veramente un dono che si situa al centro del mistero della comunione ecclesiale, accompagnando la missione apostolica di quanti si affaticano nell’annuncio del Vangelo”

 

(dall’Istruzione Verbi Sponsa n° 7) 

“…Capii che la Chiesa aveva un Cuore e che questo Cuore era acceso d’amore…Capii che solo l’Amore faceva agire le membra della Chiesa…Sì, ho trovato il mio posto nella Chiesa…nel cuore della Chiesa, mia madre, io sarò l’Amore”

 

S. Teresa di Gesù Bambino Manoscritto B n° 254 (nell’edizione OCD, 1990)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...