I fioretti di Teresa d’Avila

L’obbedienza

Supponendo che tutti gli angeli del cielo le dicessero una cosa, e che i suoi superiori ne dicessero un’altra, anche se fosse assolutamente sicura che si trattasse veramente di angeli, Teresa si atterrebbe agli ordini ricevuti dai superiori. “Chi ascolta voi ascolta me”, ha promesso il Signore. Ma sentiamo uno dei superiori di Teresa, il Padre Gracian (oltretutto molto più giovane di lei): “Io desideravo che venisse fondato a Siviglia un convento di monache, mentre lei lo voleva a Madrid. Alla fine le domandai di parlarne con Nostro Signore. Due o tre giorni più tardi mi disse, secondo il suo solito, che era già in possesso di una risposta chiara: doveva andare a fondare un monastero a Madrid. Malgrado questo, le diedi l’ordine di andare a Siviglia. Allora, senza la minima replica, furono preparati i carri per andarsene là. Tuttavia, dopo qualche giorno, le domandai se pensava che la sua prima intuizione fosse giusta. Allora mi rispose sorridendo: “Non sa che tutte le rivelazioni che ricevo sono ben lungi dal fornirmi una sufficiente sicurezza sulla volontà di Dio? Viceversa, quando un superiore mi comanda, ho la certezza di fede di essere nella volontà di Dio; perché allora devo reclamare?”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...