Il Carmelo di Quart vi accoglie con gioia!

Questa galleria contiene 14 immagini.

Altre gallerie | Lascia un commento

Un pensiero di santa Teresina

Non è per restare nel tabernacolo d’oro che Gesù discende ogni giorno dal cielo, ma per trovare un altro cielo che gli è infinitamente più caro del primo: il cielo dell’anima nostra, fatta ad immagine sua, il tempio vivo dell’adorabile Trinità.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

A scuola dalla piccola Teresa

Cosa offrire a Gesù?

“E’ Gesù che vuole il nostro amore, che lo va mendicando. Si abbandona, per coì dire, alla nostra mercè. Non vuole prendere nulla senza che glielo diamo e la più piccola cosa è preziosa ai suoi occhi divini. … Dammi da bere [diceva Gesù alla samaritana] era l’amore della sua povera creatura che il Creatore dell’universo reclamava. Aveva SETE D’AMORE.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

25 agosto – santa Maria di Gesù Crocifisso

dai colloqui con le sue sorelle della Piccola Araba – Mariam Baouardy – Santa Maria di Gesù Crocifisso

Gesù dorme o piuttosto fa finta, ma vede tutto, tutto fino in fondo al cuore… Gesù dorme, bisogna svegliarlo: sono i gesti di Maria che lo svegliano dolcemente. Maria sono le anime che lo amano… Lui ha fame, Gesù: bisogna nutrirlo; quando c’è un atto di obbedienza da fare e che ci costa molto, è un cibo ricostituente che noi diamo a Gesù; se c’è un atto di amore, di rinuncia, qualche cosa di duro, di amaro è un dolce per la bocca di Gesù: Egli lo mangia, è contento… A Gesù piace divertirsi! Si diverte coi piccoli gesti nascosti che gli si fanno… Troverete un atto di amore, una piccola cosa da fare… prendetene il peso su di voi e nascondetelo… Bisogna nascondere, nascondere: Allora Gesù si diverte di queste piccole cose nascoste che voi gli date, ma poi non bisogna dirlo. No, sarebbe riprenderle a Gesù!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La comunione

Cristo è il nostro nutrimento… la Comunione produce un’unione completa con Lui. Un’unione con Dio che non è solamente unione di sentimenti e di pensieri, ma unione dell’essere, una somiglianza d’amore attraverso ciò che abbiamo di più profondo e di più intimo.

Beato Maria Eugenio OCD

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Il nostro nutrimento

Gesù si immola sul calvario. Questo sacrificio Egli lo perpetua in modo reale ma incruento, mediante il sacrificio della Messa. Abbiamo qui uno dei grandi gesti di Nostro Signore. Il sacramento che Egli istituisce sarà il sacramento che nutrirà le anime. E’ il grande fiume al quale verranno a dissetarsi tutti i cristiani e tutta la Chiesa. Gesù donerà la sua vita, la sua grazia, la vita di Dio; ci farà partecipi di tutto ciò che Egli è perchè si dona a noi..

Beato Maria Eugenio OCD

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

A scuola di contemplazione

Qualche consiglio spirituale per affrontare le nostre giornate sempre più in unione a Gesù partendo dal vivere bene la Messa.

Il pane eucaristico è vero nutrimento

Il nutrimento del pane vivo eucaristico e la vita che assorbiamo per mezzo della fede ci donano veramente un’unione con Cristo, è la stessa linfa che scorre in Lui e in noi: il Suo pensiero diventa il nostro, è un mezzo per fare nostro il Suo disegno che è il disegno del Padre.

Beato Maria Eugenio di Gesù Bambino

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

un pensiero del beato Maria Eugenio

La vita di Nazareth è la vita quotidiana con i suoi piccoli incidenti, la sua monotonia, poca cosa… Gesù, il Maestro, è un uomo comune. Sotto questa via ordinaria si nasconde la vita intensa di Dio… L’anima del Bambino Gesù è un mistero anche per la santa Vergine e san Giuseppe. In Lui vi è una vita nascosta, nascosta anche ai suoi.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

A scuola di contemplazione

Come affrontare la giornata rimanendo alla Presenza di Dio?

Un buon sistema è quello di vivere di FEDE. Cioè imparare che ogni avvenimento della giornata è un “sacramento che ci dà Dio” (S. Elisabetta della Trinità). In tutte le piccole o grandi cose dobbiamo imparare a vedere il progetto di Dio e ripetere al Padre: “sono contenta di quello che permetti nella mia vita, di questa cosa che mi chiami a vivere” . Così possiamo apprendere a fare tutto CON Lui: “questa cosa mi costa, ma te la offro, la faccio per te, quindi la faccio bene, con amore”; oppure “questa prova, questa situazione non la capisco, Signore, perchè la permetti? Dimmi come fare a viverla, aiutami…” E sappiamo che il Signore ci risponde sempre, anche se spesso non come vorremmo noi. Così la nostra vita quotidiana si riempie di Lui e non c’è più un ambito in cui Lui non possa entrare.

Qual è il metodo migliore per stare alla presenza di Dio?

Quello che a noi serve di più! Non esistono tecniche, bisogna fare esperienza e rendersi conto di quali sono i mezzi che sono più adatti a noi. L’importante è prenderne l’abitudine! Sarà poi il Signore stesso a richiamare la nostra attenzione quando ci vedrà troppo presi da quello che stiamo facendo e non da Lui…

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

A scuola di contemplazione

La presenza di Dio

Come vivere alla presenza di Dio?

Non è possibile pensare a Dio in modo ininterrotto ma, mentre la nostra intelligenza è interamente occupata nel lavoro che stiamo facendo, il cuore può rimanere orientato verso il Signore. Possiamo sempre fare le cose per Lui, per compiere la sua volontà e per fargli piacere.

Come tenere il cuore orientato verso Dio durante la giornata, fra le mille cose da fare?

C’è bisogno di un po’ di esercizio e qualche aiuto. Ad esempio è possibile rivolgere lo sguardo a Dio brevemente con una piccola invocazione, un’offerta di quello che facciamo, o una richiesta di aiuto.

Possiamo poi ricorrere a qualche piccola cosa che ci ricordi Dio o il suo Amore per noi: ad esempio un’immagine, o un crocifisso da tenere nel luogo di lavoro o in casa, in modo che ci aiuti a stare alla sua Presenza. Chi riesce, invece, può sfruttare la sua immaginazione, raffigurandosi Gesù o Maria o un santo che lo accompagna e lo segue in tutto ciò che fa. Non è una finzione, ma un aiuto per mettersi nella realtà: realmente Gesù ci è sempre vicino, ma non sempre noi ne abbiamo coscienza!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Riprendiamo la scuola di… contemplazione

Per un’estate “carmelitana”, da vivere tutta alla presenza di Dio…

Che cos’è la presenza di Dio?

è un esercizio di vita spirituale che serve a mantenerci in contatto con Dio nelle nostre varie occupazioni quotidiane. Diciamo che è come un’orazione mentale (cioè carmelitana) che si prolunga durante l’intera giornata. Come l’orazione mentale, è composta di due elementi: pensiero e affetto. Si tratta di pensare a Dio e di tenere l’affetto rivolto verso di Lui.

Qual è l’elemento principale della presenza di Dio?

L’elemento principale non è il pensiero, come molti credono, bensì l’affetto, come nell’orazione mentale; il pensiero serve ad orientare il cuore, cioè la volontà verso Dio, cosicchè l’anima con la volontà si unisce più intimamente al Signore e indirizza a Lui tutto il suo operare. Del resto è più facile rimanere uniti a Dio con l’affetto, la volontà, che con il pensiero, che è preso giustamente dalle cose da fare o dalle persone che incontra.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento